Vacanze addio: il trauma da rientro

Un ultimo abbraccio agli amici conosciuti in spiaggia, seduti sulla valigia per tentare di chiuderla nonostante il volume inspiegabilmente lievitato, passaporto e biglietto consegnati per il check-out, sguardo nostalgico che vola oltre l’oblò dell’aereo. Istantanee degli ultimi momenti di un vacanza tipo, flash che accomunano un po’ tutti quelli che stanno rientrando. Ferie terminate e ritorno alla realtà in questi giorni di fine agosto, ed eccoci costretti a risintonizzarci nuovamente su routine e doveri. 


Il ritorno alla routine
La vacanza è un momento di rottura dalla vita di tutti i giorni. Gli orari, gli impegni, gli obblighi vengono messi da parte, e abbiamo la sensazione di vivere in un mondo “diverso”, più vicino ai nostri desideri. Il dispiacere del termine delle vacanze dipende in genere da una combinazione di fattori, collegati al “tipo” di vacanza fatta (una vacanza dedicata al riposo, al divertimento, ad attività culturalmente stimolanti, ecc.). Per qualcuno, il dispiacere può dipendere dalla necessità di lasciare una condizione di riposo, per altri può dipendere invece dal dover interrompere attività stimolanti e gratificanti.
Riprendere la routine quotidiana significa dover accettare delle rinunce, specialmente se non si è soddisfatti dell’attività lavorativa, o delle circostanze della vita familiare.

Restare o tornare?
Al termine delle ferie il posto di vacanza si “spopola”, e anche le persone che abbiamo conosciuto rientrano ciascuna nella propria routine. Inizialmente restare nel luogo di vacanza può sembrare una specie di sogno ad occhi aperti, però, il luogo in cui lavoriamo è anche il luogo in cui abbiamo amicizie e rapporti sociali, che riempiono la nostra vita. Prima o poi ne sentiremmo la mancanza. 

Tristezza comune
Un po’ di nostalgia al termine di un periodo piacevole c’è sempre, specialmente se la vacanza ha corrisposto alle aspettative. La nostalgia che si prova dipende molto dalla situazione che si prevede di trovare al rientro, in genere prova meno nostalgia chi si è “preparato” alle ferie estive senza attribuire loro poteri miracolosi. Una vacanza di 1-2 settimane può permettere di recuperare le energie fisiche o mentali necessarie ad affrontare con maggior convinzione ed ottimismo le problematiche che aspettano tutti al rientro ma non risolvere i nostri problemi.

Esistono destinazioni più tristi?
Tutte le destinazioni di vacanza possono causare malinconia al momento della partenza. Anche chi ha trascorso le vacanze senza potersi allontanare di casa può provare nostalgia per la fine delle ferie, se in quel periodo ha usato bene il proprio tempo. 

Più lunga è la vacanza, più è difficile tornare
Una vacanza piacevole è di solito seguita da una “scia”, in questa fase tipicamente si parla volentieri con gli amici o con i colleghi di lavoro di cose che ci sono capitate durante la vacanza (magari insignificanti per chiunque altro tranne che per noi). A volte, però, il ricordo di una vacanza da cui si pensa inizialmente che sarà difficile staccarsi scompare appena il rientro ci mette di fronte alla realtà di tutti i giorni. 

Il piacere di tornare
Tornare dalle ferie significa riprendere non solo gli obblighi ma anche i piaceri della vita di tutti i giorni, primo fra tutti quello di rivedere parenti, amici e colleghi. Quando si è ripresi nel vortice degli impegni quotidiani, inoltre, si riesce anche ad apprezzare di più il tempo libero disponibile.

Amici per sempre, oppure no?
Le ferie estive favoriscono incontri e conoscenze, ma lo stereotipo vuole che la conoscenza estiva si esaurisca rapidamente al rientro. In effetti, è vero che l’atmosfera spensierata della vacanza è molto diversa da quella reale della vita quotidiana, e che le amicizie estive risentono di quest’aria un po’ “superficiale”, tuttavia nulla vieta che le conoscenze fatte durante una vacanza possano proseguire.


Svuotare le valige o tornare al lavoro: cosa ci stressa di più?
Per un adulto in vacanza con bambini piccoli, probabilmente è più stressante svuotare le valige, pulire casa, fare provviste e lavare i vestiti usati nella vacanza. Per una persona single con un’attività non gradita può essere più frustrante rientrare al lavoro.

L'influenza del Jet Lag
Se la vacanza è stata lunga, la persona ha preso i ritmi del posto in cui si trovava e al ritorno deve nuovamente adattarsi ai ritmi abituali. Può capitare di avvertire sonnolenza o un improvviso senso di fame in orari strani durante il giorno, oppure inappetenza negli orari di pranzo e di cena, e insonnia notturna.

Per chi ha rinunciato alle vacanze
Premesso che non è necessario allontanarsi per andare in vacanza, e che si possono trascorrere ferie riposanti e rilassanti anche restando a casa, chi non ha avuto neanche un momento di riposo è indubbiamente svantaggiato. Può avvertire depressione, senso di rabbia e frustrazione oltre che stanchezza fisica. Il consiglio più utile per queste persone è sfruttare al meglio, se possibile, il fine settimana, approfittando del weekend per riposare o svolgere attività diverse dal lavoro quotidiano, rompendo la routine.



Fonte: lastampa.it

Prestazioni

Cerca tra le prestazioni

Esami di Laboratorio

  • Chimica Clinica
  • Ematologia
  • Microbiologia
  • Radioimmunologia
  • Biologia Molecolare
  • Dosaggio farmaci e droghe
  • Test di intolleranza alimentare
  • Tossicologia
  • Breath Test
  • Ricerca Papilloma Virus
  • Diagnostica Allergologica
  • Approfondisci

Radiologia Diagnostica

  • Radiologia digitale
  • Risonanza Magnetica Aperta
  • TAC 3D Multislice
  • Ecografia
  • Ecocardiografia
  • Ecocolodoppler
  • Mammografia digitale
  • M.O.C. Dexa
  • Ortopantomografia
  • Dentascan
  • Approfondisci

Medicina Nucleare

Scintigrafie
  • Cardiologica
  • Renale
  • Endocrinologica
  • Epatica
Ricerca di patologie a carattere focale
  • Lesioni ossee di tipo benigno o maligno
  • Ricerca di lesioni primitive (vascolari, neoplastiche, flogistiche)

Convenzioni

Il Centro Basile è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, con l'ASL Napoli 1 e convenzionato con numerosi Enti.

L'elenco degli esami in convenzione e le relative tariffe sono disponibili in accettazione e alla seguente pagina web.

È necessaria l'impegnativa del Medico di base ed un documento di riconoscimento.
Approfondisci

Servizio trasporti

Sede Principale

  • 7:00 - 20:00
    (Prelievi: 7.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00)
  • 7:00 - 13:00 (Prelievi: 7.00 - 11.00)
  • 8:00 - 13:00 (Prelievi: 8.00 - 11.00)
  • NAPOLI Viale Michelangelo, 13
  • 081.5781262 - 081.5789596 - 081.5784343
  • 081.5788792

Sede Arenella (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via Giacinto Gigante, 86/88
  • 081.5448849
  • 081.5448849

Sede Vomero (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Raffaele Morghen 129 – Napoli
  • 081.5788467
  • 081.5788467

Sede Rione Alto (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.00
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Pasquale del Torto - uscia ascensore Metro Linea 1 – Napoli
  • 081.5468732
  • 081.5468732

Sede Soccavo (Radiologia Diagnostica e Laboratorio)

Reparto Laboratorio

  • 7:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 7:30 - 12:30

Reparto Radiologia

  • 8:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 8:30 - 12:30
  • NAPOLI Via Epomeo, 219
  • 081.7283816
  • 081.7283816

Sede Fuorigrotta (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 13.00 / 15.00 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 11:00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via E. Arlotta, 21
  • 081.2391774

Sede P.co San Paolo (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 12.00 / 15.30 - 18.00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 8.00 - 11.30 (Prelievi: 8.00 - 10.30)
  • NAPOLI Via M. Bakunin, 15
  • 081.7678065

Scrivici