Sapevi di avere due cervelli?

È il nostro intestino, un organo che ha meritato l’appellativo di secondo cervello e dal quale, dicono le ultime scoperte, dipende spesso la depressione

Un equilibrio dinamico 
«Uno studio multicentrico apparso nel settembre 2016 su Current Pharmaceutical Design conferma quanto emerso da altre ricerche: ovvero un legame tra alterazioni del microbiota intestinale (la cosiddetta disbiosi) e la comparsa di ansia, depressione e malinconia», spiega il dottor Salvatore Bardaro, docente di medicina integrata all’Università di Siena e Pavia. «Il microbiota è infatti composto da miliardi di microorganismi quali batteri, funghi, virus e protozoi.
Se riescono a convivere in modo pacifico, l’intestino funziona bene e produce in modo regolare molti dei neurotrasmettitori legati al benessere quali dopamina, serotonina (ben l’80% è secreta dal “secondo cervello”) e gaba. Se invece c’è una predominanza di batteri “cattivi” su quelli “buoni”, ne risente anche la psiche.

Se vincono i cattivi
L’aumento dei ceppi pro-infiammatori, come L’Escherichia coli o la Sighella, inibisce quelli ad attività antinfiammatoria, come gli Eubacteri. Tutto ciò provoca una permeabilità della mucosa intestinale: allargando le “maglie”, si agevola il passaggio di scorie, tossine batteriche e residui alimentari che infiammano il plesso nervoso nascosto sotto l’intestino. Un’infiammazione silente che arriva a interessare anche il cervello cui è collegato per vie nervose».

Oggi sappiamo che quando il cervello si infiamma “produce” stress, ansia e depressione. E che l’aumento di batteri intestinali “cattivi”, oltre a minare la produzionedi serotonina, blocca la trasformazione del glutammato monosodico in gaba, neurotrasmettitore che dà serenità.

Come aiutare il macrobiota intestinale
«Stress, sedentarietà, antibiotici e cortisonici nonché una dieta troppo ricca di zuccheri o grassi animali e povera di fibre vegetali, causano la disbiosi», spiega il dottor Bardaro. «Così come l’eccesso di cibi industriali pieni di pesticidi, conservanti, coloranti, aromi e dolcificanti artificiali». La prima regola antidepressione consiste quindi nel tenere a bada lo stress con una regolare attività fisica, capace di far funzionare bene l’intestino e migliorare il profilo neuroendocrino.

La seconda, invece, impone di ridurre gli zuccheri semplici che, causando fermentazione intestinale, creano disbiosi. Da contenere anche le proteine animali, alla base di fenomeni putrefattivi. L’ideale è portare in tavola cibi freschi di stagione, poco lavorati e trattati, rinunciare a scatolette e piatti pronti e ricreare l’equilibro tra glucidi, protidi e lipidi.

La psicobiotica ci salverà?
È la nuova branca di ricerca che indaga il rapporto tra microbiota intestinale e psiche, suggerendo l’uso dei probiotici per riequilibrare la disbiosi. «Una metanalisi pubblicata lo scorso agosto su Nutrients conferma che il ricorso ai probiotici serve a combattere anche gli MDD (major depressive disorder)», spiega Salvatore Bardaro.
Inoltre, uno studio pubblicato su Brain, Behavior and Immunity, condotto su 40 persone (20 trattate con probiotici e 20 con placebo) dimostra che il primo gruppo dopo 4 settimane riferiva di avere meno episodi di tristezza e rimuginazione mentale. 

Prestazioni

Cerca tra le prestazioni

Esami di Laboratorio

  • Chimica Clinica
  • Ematologia
  • Microbiologia
  • Radioimmunologia
  • Biologia Molecolare
  • Dosaggio farmaci e droghe
  • Test di intolleranza alimentare
  • Tossicologia
  • Breath Test
  • Ricerca Papilloma Virus
  • Diagnostica Allergologica
  • Approfondisci

Radiologia Diagnostica

  • Radiologia digitale
  • Risonanza Magnetica Aperta
  • TAC 3D Multislice
  • Ecografia
  • Ecocardiografia
  • Ecocolodoppler
  • Mammografia digitale
  • M.O.C. Dexa
  • Ortopantomografia
  • Dentascan
  • Approfondisci

Medicina Nucleare

Scintigrafie
  • Cardiologica
  • Renale
  • Endocrinologica
  • Epatica
Ricerca di patologie a carattere focale
  • Lesioni ossee di tipo benigno o maligno
  • Ricerca di lesioni primitive (vascolari, neoplastiche, flogistiche)

Convenzioni

Il Centro Basile è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, con l'ASL Napoli 1 e convenzionato con numerosi Enti.

L'elenco degli esami in convenzione e le relative tariffe sono disponibili in accettazione e alla seguente pagina web.

È necessaria l'impegnativa del Medico di base ed un documento di riconoscimento.
Approfondisci

Servizio trasporti

Sede Principale

  • 7:00 - 20:00
    (Prelievi: 7.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00)
  • 7:00 - 13:00 (Prelievi: 7.00 - 11.00)
  • 8:00 - 13:00 (Prelievi: 8.00 - 11.00)
  • NAPOLI Viale Michelangelo, 13
  • 081.5781262 - 081.5789596 - 081.5784343
  • 081.5788792

Sede Arenella (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via Giacinto Gigante, 86/88
  • 081.5448849
  • 081.5448849

Sede Vomero (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Raffaele Morghen 129 – Napoli
  • 081.5788467
  • 081.5788467

Sede Rione Alto (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.00
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Pasquale del Torto - uscia ascensore Metro Linea 1 – Napoli
  • 081.5468732
  • 081.5468732

Sede Soccavo (Radiologia Diagnostica e Laboratorio)

Reparto Laboratorio

  • 7:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 7:30 - 12:30

Reparto Radiologia

  • 8:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 8:30 - 12:30
  • NAPOLI Via Epomeo, 219
  • 081.7283816
  • 081.7283816

Sede Fuorigrotta (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 13.00 / 15.00 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 11:00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via E. Arlotta, 21
  • 081.2391774

Sede P.co San Paolo (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 12.00 / 15.30 - 18.00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 8.00 - 11.30 (Prelievi: 8.00 - 10.30)
  • NAPOLI Via M. Bakunin, 15
  • 081.7678065

Scrivici