Il bilinguismo protegge il cervello dall' Alzheimer

Per loro saltare rapidamente da una lingua all'altra è una cosa naturale. Non si spaventano mai di fronte a due vocabolari, due architetture grammaticali, due sistemi sintattici diversi. Possono conversare per ore, a esempio, in italiano o in francese. Sono i bilingui. Già in passato diversi studi avevano messo in evidenza quanto conoscere perfettamente due lingue protegga dalle demenze senili. 

Ora uno studio italiano ha messo in luce come questa attività modifichi la funzione cerebrale e 'protegga' da alcune malattie, in particolare dall'Alzheimer. Interviene sull'attività metabolica frontale e sulla connettività tra specifiche aree del cervello, tanto da compensare i danni prodotti dalla malattia. Lo studio, pubblicato su su 'Proceedings of the National Academy of Sciences' (Pnas), è stato portato avanti da un team di ricercatori del San Raffaele di Milano che ha analizzato i bilingui nostrani: gli altoatesini.

La ricerca guidata da Daniela Perani, direttrice dell'Unità di neuroimaging molecolare e strutturale in vivo nell'uomo dell'Irccs San Raffaele e docente dell'università Vita-Salute, è la prima a studiare un gruppo ampio di pazienti affetti da demenza di Alzheimer – 85 persone, di cui metà italiani monolingue e metà bilingui, originari dell’Alto Adige – attraverso una tecnica di imaging chiamata FDG-PET (un tipo di tomografia a emissione di positroni che permette di misurare il metabolismo cerebrale e la connettività funzionale tra diverse strutture del cervello).

"Nella ricerca abbiamo studiato il metabolismo del cervello che misura l'attività dei neuroni. Abbiamo scoperto - spiega Perani - che i bilingui hanno una maggior riserva cerebrale. Anche studiando i bilingui che sviluppano una demenza, scopriamo che in loro i circuiti del controllo cognitivo sono più forti".

Tutti i vantaggi dei bilingue
In linea con le precedenti evidenze, i pazienti bilingui affetti da demenza di Alzheimer sono risultati in media più vecchi di 5 anni rispetto ai monolingue e hanno ottenuto punteggi più alti in alcuni test cognitivi volti a valutare la memoria verbale e visuo-spaziale (la capacità di riconoscere luoghi e volti). Ma l'uso della Fdg-Pet ha svelato anche che questi pazienti, a fronte della migliore performance cognitiva, hanno un metabolismo più gravemente ridotto nelle aree cerebrali tipicamente colpite dalla malattia, indice di neurodegenerazione, rispetto ai pazienti monolingue.

E' la prova, spiegano gli autori dello studio, che il bilinguismo costituisce una cosiddetta 'riserva cognitiva' che funziona da difesa contro l'avanzare della demenza. "È proprio perché una persona bilingue è capace di compensare meglio gli effetti neurodegenerativi dell'Alzheimer che il decadimento cognitivo e la demenza insorgeranno dopo, nonostante il progredire della malattia", sottolinea Perani. Ma quali sono i meccanismi di compensazione? I ricercatori mostrano che il cervello dei pazienti bilingue, rispetto a quello dei monolingue, presenta una maggiore attività metabolica nelle strutture frontali - implicate in compiti cognitivi complessi - e una maggiore connettività cerebrale in due network che sottendono le funzioni di controllo cognitivo ed esecutivo.

Sarebbero anche questi meccanismi a garantire ai pazienti bilingue performance cognitive migliori a fronte della perdita di strutture e funzioni cerebrali importanti. Con un questionario ad hoc sull'uso delle due lingue, i ricercatori hanno inoltre stabilito che gli effetti positivi del bilinguismo dipendono anche dal livello di esposizione e di utilizzo delle due lingue. "Si osserva - conclude Perani - che più le due lingue sono utilizzate, maggiori sono gli effetti a livello cerebrale e migliore è la performance. 

Il punto non è quindi conoscere due lingue, ma usarle in maniera attiva e durante tutto l'arco della vita. Questo dovrebbe suggerire alle politiche sociali degli interventi atti a promuovere e mantenere l'uso delle lingue e altrettanto dei dialetti nella popolazione". "Ed è un peccato - aggiunge la ricercatrice - che nel secolo scorso siano stati annientati i dialetti. E' stato devastante perché tante persone avrebbero conosciuto automaticamente due lingue: l'italiano e il dialetto".

Prestazioni

Cerca tra le prestazioni

Esami di Laboratorio

  • Chimica Clinica
  • Ematologia
  • Microbiologia
  • Radioimmunologia
  • Biologia Molecolare
  • Dosaggio farmaci e droghe
  • Test di intolleranza alimentare
  • Tossicologia
  • Breath Test
  • Ricerca Papilloma Virus
  • Diagnostica Allergologica
  • Approfondisci

Radiologia Diagnostica

  • Radiologia digitale
  • Risonanza Magnetica Aperta
  • TAC 3D Multislice
  • Ecografia
  • Ecocardiografia
  • Ecocolodoppler
  • Mammografia digitale
  • M.O.C. Dexa
  • Ortopantomografia
  • Dentascan
  • Approfondisci

Medicina Nucleare

Scintigrafie
  • Cardiologica
  • Renale
  • Endocrinologica
  • Epatica
Ricerca di patologie a carattere focale
  • Lesioni ossee di tipo benigno o maligno
  • Ricerca di lesioni primitive (vascolari, neoplastiche, flogistiche)

Convenzioni

Il Centro Basile è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, con l'ASL Napoli 1 e convenzionato con numerosi Enti.

L'elenco degli esami in convenzione e le relative tariffe sono disponibili in accettazione e alla seguente pagina web.

È necessaria l'impegnativa del Medico di base ed un documento di riconoscimento.
Approfondisci

Servizio trasporti

Sede Principale

  • 7:00 - 20:00
    (Prelievi: 7.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00)
  • 7:00 - 13:00 (Prelievi: 7.00 - 11.00)
  • 8:00 - 13:00 (Prelievi: 8.00 - 11.00)
  • NAPOLI Viale Michelangelo, 13
  • 081.5781262 - 081.5789596 - 081.5784343
  • 081.5788792

Sede Arenella (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via Giacinto Gigante, 86/88
  • 081.5448849
  • 081.5448849

Sede Vomero (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Raffaele Morghen 129 – Napoli
  • 081.5788467
  • 081.5788467

Sede Rione Alto (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.00
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Pasquale del Torto - uscia ascensore Metro Linea 1 – Napoli
  • 081.5468732
  • 081.5468732

Sede Soccavo (Radiologia Diagnostica e Laboratorio)

Reparto Laboratorio

  • 7:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 7:30 - 12:30

Reparto Radiologia

  • 8:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 8:30 - 12:30
  • NAPOLI Via Epomeo, 219
  • 081.7283816
  • 081.7283816

Sede Fuorigrotta (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 13.00 / 15.00 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 11:00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via E. Arlotta, 21
  • 081.2391774

Sede P.co San Paolo (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 12.00 / 15.30 - 18.00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 8.00 - 11.30 (Prelievi: 8.00 - 10.30)
  • NAPOLI Via M. Bakunin, 15
  • 081.7678065

Scrivici