Se ti svegli con le ossa rotte, di chi è la colpa?

Chi non ha mai provato quella fastidiosa sensazione di svegliarsi "con le ossa rotte", magari dopo aver dormito mezz'ora o un'ora in più? Secondo Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, la colpa non sarebbe da dare né alla posizione assunta durante il sonno, né al materasso o al cuscino utilizzato. "Il problema è a monte, ma molti non riescono a capacitarsene. Se non avessimo rigidità o muscolatura contratta dormiremmo come degli angioletti anche nelle posizioni più strane".


Dovresti abituarti a dormire sulla schiena

Il sito PopularScience ha recentemente pubblicato un articolo dal titolo "Dovresti abituarti a dormire sulla schiena", rimarcando i benefici della posizione supina: dormire a pancia in su avrebbe, secondo gli autori, l'effetto di portare la colonna in allineamento, riducendo i dolori e anche il battito cardiaco, dal momento che la testa si trova in posizione elevata rispetto al petto. Chiapponi, però, è restio a conferire il merito di un sonno ristoratore alla posizione assunta: "Non esiste una posizione ideale e giusta per tutti - ha affermato -. Quella che fa al caso nostro è, nella maggior parte dei casi, proprio quella che ci viene più spontanea".

Dormire sulla schiena ha dei benefici?

"Anche se ogni corpo dovrebbe essere valutato come caso a sé stante, dormire sulla schiena ha sicuramente dei lati positivi. Quando dormiamo in questa posizione ci troviamo infatti in assenza di rotazioni vertebrali: ciò significa che la colonna vertebrale non è sollecitata in rotazione. Questa posizione è quindi ideale per chi ha sviluppato delle rigidità alle vertebre perché quando assumiamo un'altra posizione, ovvero siamo a pancia in giù o in rotazione, le stesse rigidità vengono stimolate e vanno ad infiammarsi".

Quali sono gli svantaggi?

"Dormire a pancia in su non può essere l'ideale per tutti. Questo perché la posizione, se da una parte è consigliata per chi ha sviluppato rigidità alle vertebre, dall'altra mette in tensione alcuni muscoli che solitamente sono parecchio contratti, vale a dire la muscolatura della schiena e quella del collo. Queste muscolature risentono dello stress e delle tensioni emotive ed è per questo motivo che molte persone soffrono di dolori in queste zone del corpo".

Perché dormire sulla schiena è considerato "scomodo"?

"Le tensioni emotive, in moltissime persone, vanno ad 'annidarsi' nella parte superiore del corpo, vale a dire nel collo e nelle spalle. Per loro, dormire sulla schiena è scomodo perché riaccende e infiamma queste rigidità. Soprattutto se lo stato di tensione è forte, è difficile rimanere in quella posizione. È lo stesso corpo che ce lo comunica e che sceglie la posizione più confortevole".

Quindi qual è la posizione più giusta per noi?

"Solitamente è quella che ci viene più spontanea! Il corpo non ci mantiene in una posizione che giudica fastidiosa e poco confortevole. Quando non gradisce, ci spinge a metterci in un altro modo per farci sentire più rilassati, per farci avvertire meno le tensioni e accompagnarci al sonno. Ma è una cosa soggettiva, ognuno ha la propria posizione".

Quando ci svegliamo "con le ossa rotte", dunque, di chi è la colpa?

"Non è né della posizione, né del materasso, né del cuscino: la colpa è della schiena, il problema è a monte. Evidentemente abbiamo qualche rigidità che ci infastidisce: rimanendo fermi per ore e ore durante la notte queste si infiammano e al mattino dopo ci sentiamo un po' doloranti. Molte persone lo notano nel fine settimana: quando dormono un'ora o due in più, si svegliano con qualche doloretto di troppo. Se, però, non avessimo alcuna tensione muscolare o rigidità potremmo dormire in qualunque modo e in qualunque posizione e non avvertiremmo alcun fastidio. I neonati, ad esempio, possono dormire nelle posizioni più strane per ore e ore perché hanno un'elevata elasticità. Crescendo, invece, questa elasticità si perde e lascia spazio a rigidità: sono loro, le muscolature contratte, il vero problema".

Non serve a nulla neanche il cuscino cervicale?

"Molte persone hanno in casa decine di cuscini: ne hanno provati tantissimi senza riuscire a trovare quello giusto per loro. Neanche quelli progettati apposta per non far soffrire la cervicale sembrano giovare. Questo perché nel momento in cui abbiamo un irrigidimento cervicale e cerchiamo di forzare il collo in una determinata posizione, magari con un cuscino, le tensioni si accentuano. E non ne traiamo alcun beneficio".

Cosa dovremmo fare per garantirci un buon sonno, dal punto di vista posturale?

"Dovremmo cercare di mantenere elastiche nostre strutture. È più facile dare la colpa alla posizione, al materasso o al cuscino invece di rendersi conto che spesso è proprio quello che facciamo (e che non facciamo) a causarci problemi. Dobbiamo stimolare collo, schiena, spalle al movimento con un'attività fisica mirata. E poi dobbiamo cercare di muoverci prima, per tempo: in fase infiammatoria nulla sembra funzionare. Né la posizione 'ideale' per il sonno né un costoso cuscino cervicale".

Fonte: huffingtonpost.it

Prestazioni

Cerca tra le prestazioni

Esami di Laboratorio

  • Chimica Clinica
  • Ematologia
  • Microbiologia
  • Radioimmunologia
  • Biologia Molecolare
  • Dosaggio farmaci e droghe
  • Test di intolleranza alimentare
  • Tossicologia
  • Breath Test
  • Ricerca Papilloma Virus
  • Diagnostica Allergologica
  • Approfondisci

Radiologia Diagnostica

  • Radiologia digitale
  • Risonanza Magnetica Aperta
  • TAC 3D Multislice
  • Ecografia
  • Ecocardiografia
  • Ecocolodoppler
  • Mammografia digitale
  • M.O.C. Dexa
  • Ortopantomografia
  • Dentascan
  • Approfondisci

Medicina Nucleare

Scintigrafie
  • Cardiologica
  • Renale
  • Endocrinologica
  • Epatica
Ricerca di patologie a carattere focale
  • Lesioni ossee di tipo benigno o maligno
  • Ricerca di lesioni primitive (vascolari, neoplastiche, flogistiche)

Convenzioni

Il Centro Basile è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, con l'ASL Napoli 1 e convenzionato con numerosi Enti.

L'elenco degli esami in convenzione e le relative tariffe sono disponibili in accettazione e alla seguente pagina web.

È necessaria l'impegnativa del Medico di base ed un documento di riconoscimento.
Approfondisci

Servizio trasporti

Sede Principale

  • 7:00 - 20:00
    (Prelievi: 7.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00)
  • 7:00 - 13:00 (Prelievi: 7.00 - 11.00)
  • 8:00 - 13:00 (Prelievi: 8.00 - 11.00)
  • NAPOLI Viale Michelangelo, 13
  • 081.5781262 - 081.5789596 - 081.5784343
  • 081.5788792

Sede Arenella (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via Giacinto Gigante, 86/88
  • 081.5448849
  • 081.5448849

Sede Vomero (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Raffaele Morghen 129 – Napoli
  • 081.5788467
  • 081.5788467

Sede Soccavo (Radiologia Diagnostica e Laboratorio)

Reparto Laboratorio

  • 7:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 7:30 - 12:30

Reparto Radiologia

  • 8:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 8:30 - 12:30
  • NAPOLI Via Epomeo, 219
  • 081.7283816
  • 081.7283816

Sede Fuorigrotta (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 13.00 / 15.00 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 11:00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via E. Arlotta, 21
  • 081.2391774

Sede P.co San Paolo (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 12.00 / 15.30 - 18.00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 8.00 - 11.30 (Prelievi: 8.00 - 10.30)
  • NAPOLI Via M. Bakunin, 15
  • 081.7678065

Scrivici