Facciamo delle promesse al nostro cuore

La prevenzione cardiovascolare inizia già nell’utero materno e deve proseguire, con grande attenzione, nei primissimi anni. È nei primi mille giorni di vita che si pongono le basi per contrastare le malattie cardiovascolari in età adulta. 



E non solo perché il basso peso alla nascita è correlato con un maggior rischio di parologie coronariche, ma anche perché pur se i geni sono definiti, questi possono essere “accesi” oppure “spenti”, secondo una sequenza ideale. Benvenuti nell’epoca dell’epigenetica, la scienza che dimostra come i condizionamenti ambientali agiscano sulla nostra salute e come sia fondamentale migliorare le abitudini se davvero si vuol far fronte all’epidemia non infettiva delle malattie cardiovascolari. Insomma: indirettamente – nel caso dei bimbi – o direttamente per tutti gli adulti è il momento di fare una promessa al cuore e di prendersene cura. È questo il messaggio della campagna promossa dalla World Heart Federation, in occasione della Giornata mondiale del cuore (29 settembre 2018). In Italia lo ricordano l’Associazione “Fondazione Italiana per il Cuore” (FIpC), insieme a Conacuore, che raggruppa ben 119 associazioni di pazienti cardiopatici sul territorio.

La prevenzione diventa su misura

Nonostante le numerose iniziative di sensibilizzazione della popolazione a queste tematiche, un’indagine condotta in tutta Italia ha dimostrato che solo il 38% delle persone ad alto rischio cardiovascolare conosca la propria condizione e sia in grado di attuare concretamente comportamenti e stili di vita adeguati. Gli esperti segnalano come questo sia fondamentale ma sottolineano anche l’importanza delle nostre abitudini, per modificare positivamente un’eventuale predisposizione. Il principale obiettivo per la prevenzione delle malattie cardiovascolari è migliorare le buone pratiche per quanto concerne i fattori modificabili (nutrizione, attività fisica, fumo e alcol, inquinamento) secondo modalità personalizzate e consolidabili nel tempo e adottare appropriate strategie di screening per identificare in modo individuale i fattori non modificabili di carattere genetico/epigenetico.

La combinazione di questi due approcci, associata ad una migliore consapevolezza del rischio cardiovascolare anche quando si è giovani o adulti e “si sta bene”, favorisce un atteggiamento proattivo, con benefici per la salute cardiovascolare della singola persona e con migliori usi delle risorse disponibili da parte della comunità. L’importante, anche e soprattutto dopo un infarto che oggi viene affrontato in fase acuta sempre con maggior successo, è “personalizzare” lo schema preventivo. Accanto alla prevenzione in tempo utile, è necessario lavorare nella prevenzione cardiovascolare, come atto di medicina di precisione, intesa come l’adozione di strategie diagnostiche e terapeutiche basate sul singolo paziente, considerando, accanto all’intero quadro patologico, l’ambiente familiare e sociale, lo stile di vita, il lavoro e la condizione economica, lo status psicologico e clinico, parametri biochimici nonché il patrimonio genetico. Oggi, infatti, strategie apparentemente più aggressive anche in prevenzione secondaria, in base alle caratteristiche del paziente, hanno dimostrato di poter ottenere significativi miglioramenti nella riduzione della mortalità per cause cardiovascolari.

Un'iniziativa per le donne

Nell’ambito delle promesse da fare al cuore c’è il raggiungimento dell’obiettivo di ridurre del 25% l’incidenza delle malattie non trasmissibili, il cosiddetto “25 by 25” goal, come richiesto dall’OMS nel 2011 ai propri stati membri. Ormai mancano solo 2.655 giorni per raggiungere questo importante traguardo. Con il dibattito aperto quest’anno dalla Giornata Mondiale per il Cuore si vuole sottolineare l’importanza della responsabilità di ciascun individuo, la classe medica e le istituzioni a mantenere e promuovere le buone pratiche e i corretti stili di vita, come dice il claim della Giornata Mondiale per il Cuore di quest’anno: facciamo delle promesse al nostro cuore e manteniamole. L’impegno è anche dalla parte della donna: non è vero che il cuore femminile si protegge da solo. Dopo la menopausa, con il calo degli estrogeni, il rischio cardiovascolare delle donne supera quello degli uomini e i dati lo evidenziano chiaramente: le malattie del cuore sono fatali per circa il 43% della popolazione femminile, contro il 35% di quella maschile.

NUOVO AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA BASILE

Nella nostra sede centrale di Viale Michelangelo 13 è possibile prenotare la tua visita cardiologica e tutti i test necessari per monitorare la salute del cuore. Ricorda di fare un controllo!

Vomero - Sede Centrale
Viale Michelangelo, 13
tel. 081 578 12 62 - 081 578 43 43

Fonte: repubblica.it

Prestazioni

Cerca tra le prestazioni

Esami di Laboratorio

  • Chimica Clinica
  • Ematologia
  • Microbiologia
  • Radioimmunologia
  • Biologia Molecolare
  • Dosaggio farmaci e droghe
  • Test di intolleranza alimentare
  • Tossicologia
  • Breath Test
  • Ricerca Papilloma Virus
  • Diagnostica Allergologica
  • Approfondisci

Radiologia Diagnostica

  • Radiologia digitale
  • Risonanza Magnetica Aperta
  • TAC 3D Multislice
  • Ecografia
  • Ecocardiografia
  • Ecocolodoppler
  • Mammografia digitale
  • M.O.C. Dexa
  • Ortopantomografia
  • Dentascan
  • Approfondisci

Medicina Nucleare

Scintigrafie
  • Cardiologica
  • Renale
  • Endocrinologica
  • Epatica
Ricerca di patologie a carattere focale
  • Lesioni ossee di tipo benigno o maligno
  • Ricerca di lesioni primitive (vascolari, neoplastiche, flogistiche)

Convenzioni

Il Centro Basile è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, con l'ASL Napoli 1 e convenzionato con numerosi Enti.

L'elenco degli esami in convenzione e le relative tariffe sono disponibili in accettazione e alla seguente pagina web.

È necessaria l'impegnativa del Medico di base ed un documento di riconoscimento.
Approfondisci

Servizio trasporti

Sede Principale

  • 7:00 - 20:00
    (Prelievi: 7.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00)
  • 7:00 - 13:00 (Prelievi: 7.00 - 11.00)
  • 8:00 - 13:00 (Prelievi: 8.00 - 11.00)
  • NAPOLI Viale Michelangelo, 13
  • 081.5781262 - 081.5789596 - 081.5784343
  • 081.5788792

Sede Arenella (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via Giacinto Gigante, 86/88
  • 081.5448849
  • 081.5448849

Sede Vomero (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Raffaele Morghen 129 – Napoli
  • 081.5788467
  • 081.5788467

Sede Rione Alto (solo laboratorio)

  • 7:30 - 12:30 / 15.30 - 18.00
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 12:30 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • Via Pasquale del Torto - uscia ascensore Metro Linea 1 – Napoli
  • 081.5468732
  • 081.5468732

Sede Soccavo (Radiologia Diagnostica e Laboratorio)

Reparto Laboratorio

  • 7:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 7:30 - 12:30

Reparto Radiologia

  • 8:30 - 13:30 / 14.30 - 18.30
  • 8:30 - 12:30
  • NAPOLI Via Epomeo, 219
  • 081.7283816
  • 081.7283816

Sede Fuorigrotta (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 13.00 / 15.00 - 18.30
    (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 7:30 - 11:00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • NAPOLI Via E. Arlotta, 21
  • 081.2391774

Sede P.co San Paolo (Solo Laboratorio)

  • 7:30 - 12.00 / 15.30 - 18.00 (Prelievi: 7.30 - 11.00)
  • 8.00 - 11.30 (Prelievi: 8.00 - 10.30)
  • NAPOLI Via M. Bakunin, 15
  • 081.7678065

Scrivici